Siamo quello che mangiamo
21 Luglio 2022 - IH Ticino

Martedì 19 Luglio 2022 si è svolto in Impact Hub Ticino il terzo TED Members Group Discussion dell’anno, organizzato con il sostegno di BancaStato. “Il clima di oggi, il cibo di domani” questo il tema dell’evento, che ha creato tra i partecipanti un dibattito attivo in un’atmosfera rilassata ed informale.

La serata è iniziata con la proiezione di un video TED Talk: “Climate Change is becoming a problem you can taste di Amanda Little, docente di giornalismo e scrittura scientifica alla Vanderbilt University ed editorialista per Bloomberg. Dopo la proiezione del video, i partecipanti si sono confrontati in un dibattito costruttivo, esprimendo idee e visioni attraverso un conversazione aperta.

“Siamo quello che mangiamo”: così esordiva Feuerbach già nel 1850 per sottolineare come le abitudini alimentari di un individuo possano dirci molto sulla sua cultura, sulla sua salute e sulla società in cui vive. Ma siamo sempre consapevoli del cibo che mangiamo e dell’impatto sulla nostra salute e sul clima? 

“Il cibo prima di arrivare sulle nostre tavole deve essere coltivato, raccolto, allevato, trasportato, lavorato, confezionato, distribuito e cucinato. L’energia necessaria per fornire tutti questi processi equivale al 30% dell’energia disponibile a livello mondiale, e di questa, la fase di distribuzione ne consuma oltre il 70%”, racconta uno dei partecipanti. “A tutto ciò va poi aggiunto un altro dato molto importante, conseguenza soprattutto della grande distribuzione: un terzo del cibo prodotto viene cestinato durante le diverse fasi della filiera”, aggiunge un giovane agricoltore. Per non parlare dell’impatto negativo dell’utilizzo di pesticidi, erbicidi e fungicidi dell’agricoltura convenzionale/industriale.

Ma abbiamo davvero bisogno di tutto questo cibo? Cosa succederebbe se comprassimo di meno? E a quale prodotto saremmo disposti a rinunciare, in nome di un consumo più consapevole? 

“Non dimentichiamo l’aspetto spirituale e culturale legato al cibo” – sostiene un altro partecipante – “Siamo pronti ad affrontare anche un cambiamento culturale?”. 

Le alternative promosse dall’innovazione tecnologica come gli orti verticali, la carne prodotta in laboratorio, l’uso dell’intelligenza artificiale, sono solo alcune delle valide alternative. “Forse sarebbe più facile smettere di mangiare la carne e smettere di mangiare il pesce: non stiamo uccidendo soltanto la terra, ma anche gli oceani”, continua, commossa, un’altra partecipante, appena rientrata da un viaggio ai Caraibi in cui in 10 giorni non ha visto un solo pesce. 

L’agricoltura biologica, biodinamica e rigenerativa promuovono un approccio sistemico in cui il ruolo dell’agricoltore non è soltanto quello di produrre cibo, ma soprattutto quello di rigenerare il terreno. “L’agricoltura rigenerativa, sintropica e agroforestale sta dimostrando un’ottima resa di prodotti certamente più sani e nutritivi che contribuiscono anche all’assorbimento di CO2”, aggiunge un altro partecipante. “Certo, c’è il tema della scarsità d’acqua, la siccità di questi mesi ha messo a dura prova l’intero sistema” continua, “ma fortunatamente c’è ascolto e una buona collaborazione con le autorità locali per individuare nuove soluzioni e fonti di acqua alternative”. 

Queste alcune delle domande emerse durante la conversazione di ieri sera che ha coinvolto imprenditori, studenti, professionisti del mondo aziendale, pubblico e no-profit. La conclusione è stata abbastanza chiara: L’intero sistema alimentare andrebbe ri-progettato.

Ma come? La sfida, si è detto, è quella di creare un collante tra le filosofie di pensiero combinando la storia, il rispetto dei ritmi naturali con le opportunità derivanti dall’innovazione e l’educazione alimentare.

La conversazione è stata facilitata ed alimentata da Gabriele Bianchi, Enologo e Proprietario Azienda Agricola Bianchi; Natalie Maspoli Taylor, Direttrice Sea Shepherd Svizzera; Ludovica Donati, CEO di Blue Arbor Foundation, Agnese Zgraggen, Food Designer e titolare di Officina del Gusto.

L’evento è stato organizzato grazie al supporto di BancaStato che ringraziamo. Qui il link ad album fotografico (a cura della nostra Hubber Egle Berruti Photographer) e alla mappa delle parole chiave.


Cosa sono i TED Members Group Discussions?

I TED Members Group Discussions, sono eventi ricorrenti ed informali in cui i partecipanti guardano insieme un video TED sui temi più attuali e urgenti per la comunità e ne discutono apertamente cercando soluzioni e confrontandosi in uno sforzo di intelligenza collettiva. Impact Hub Ticino organizza quattro eventi all’anno toccando tematiche attuali e d’ispirazione per la community locale.